NLA2015

Share Button

 

 

Un’opera straordinaria che esce fuori dall’habitat della concentrazione umana, un elemento plastico che sta nel territorio con segni semplicissimi ma molto significativi e credo che anche questo lavoro lascerà un segno della nostra collaborazione decennale con il Nuovo Liceo Artistico di Milano e i loro docenti”. 

Pinuccio Sciola

 

 

Il Nuovo Liceo Artistico di Milano torna a S. Sperate per affrontare la tradizionale esperienza di pittura murale. In questa occasione è stato proposto ai ragazzi della terza classe e ai docenti di discipline pittoriche Carmelo Violi e Adriano Moneghetti di lavorare ad una torretta dell’Enel sita poco fuori il paese.

Di fronte ad una superficie diversa dal solito muro con estensione orizzontale il gruppo si è messo a progettare un intervento di riqualificazione dell’area che non fosse meramente pittorico o decorativo.

È parso necessario  agire in modo plastico sull’architettura, modificando la struttura stessa della torre.

Da qui è nata l’idea di tagliare una facciata dell’edificio per creare una continuità tra il dentro e il fuori, per creare un disegno lineare ed elegante usando non i colori, bensì i pieni e i vuoti . Grazie alla collaborazione dell’associazione NoArte  è stato possibile allestire un ponteggio e procedere al taglio della facciata che si è poi protratto alla base e ai gradini sottostanti, fornendo una visione di uniformità della linea.

Un’opportuna illuminazione all’interno rende la struttura godibile soprattutto durante le ore notturne e al crepuscolo, quando la luce variamente colorata regala intense suggestioni ad un luogo finora inutilizzato ed anonimo.

Lucrezia Vignola, Michele Guagno, Annachiara Podio, Edoardo Amadini, Diego Calamita, Juana Mauri, Olgra Strgar e Richard Francis Fiocchi si sono inoltre adoperati a rendere il contesto più vivibile, creando con legname di recupero delle sedute poste su delle piattaforme da cui spunta un piccolo ulivo. A completamento dell’intervento alcuni alberi lignei dalle forme stilizzate che si vanno a posizionare nel terreno, a fianco agli alberi veri.