Needream Records presenta

LO-CAR
“Diskotales” release party

www.myspace.com/locarmusic


sabato 6 marzo 2010
apertura ingresso: 21.30
inizio concerto: 22.30


Fabrik

via Mameli 216

ingresso gratuito con tessera Acsi


Un treno che viaggia a velocità variabile, che conduce l’ascoltatore attraverso un mondo quasi irreale, dove ogni stazione è una nuova scoperta. Con “Diskotales” i Lo-Car pescano a piene mani dalla produzione anglosassone dagli anni ‘60 a oggi, imbastendo, in un loro personalissimo stile compositivo, pop d’autore, elettronica e influenze indie, alle quali affiancano astutamente beats da dancefloor e una certa ruvidità lo-fi.


L’album, scritto e prodotto da Carlo Addaris, era stato inizialmente concepito come un’autoproduzione realizzata nel 2008, oggi diventata la prima avventura discografica targata Needream Records, in uscita il 6 marzo 2010.


Il disco contiene 16 tracce. Si parte con le suggestioni psichedeliche di “Kill my days”, di cui è stato girato un video a New York, con protagonista la coreana Jung-a Kim. Passando per la favola noir dalle sonorità in stile Air di “Under a blood red snow”, si giunge al pop di “Wanderer, girl”, un brano dai richiami un po’ Badly Drown Boy un po’ Pulp. Segue il pezzo più ballabile: “Exactly, maybe, later, right now”, con un ritornello alla Architecure in Helsinki, i coretti del Beck di “Midnite vultures” e un finale alla Soulwax. Dopo il respiro tipicamente francese di “Good ends”, ci sono i campanellini e le fisarmoniche di “Come close to me”. Il synth-pop degli anni ‘80 la fa da padrone in “In this ocean”, per poi arrivare alle ruvidità e alle atmosfere da rave di “3D” e la tiratissima e acida “All the girls”. Infine si raggiungono le cadenze ipnotiche di “Wasted”, “Electric car” e “Save the show”: la prima dominata da un affascinante refrain alla Thom Yorke, la seconda dalle atmosfere dilatate che ricordano l’elettronica dei Notwist, la terza caratterizzata da un basso ipnotico, e la cui stazione potrebbe essere in una New York tra la fine degli anni ‘80 e l’inizio dei ‘90. “Out of my grave” chiude i brani inediti, annunciando l’ultima stazione, mandando segnali come in una comunicazione radio, tra riverberi e delay, rumori di fondo e fraseggi di una tromba da un altro pianeta.

Fanno però seguito due bonus track. La prima è un remix di “Come close to me” realizzato dai deejay belgi Maxim Lany e SanSoda, la seconda è una versione alternativa di “Exactly, maybe, later, right now” a cura dei dj cagliaritani Andrea Loche e Corrado Zonnedda.


Carlo Addaris, nato e cresciuto a San Sperate, paese del sud della Sardegna, non tarda ad affacciarsi nel mondo della musica. Comincia subito ad affinare l’orecchio ascoltando i dischi dei suoi fratelli maggiori. Appena adolescente suona chitarra, piano e tastiere. In questi anni coltiva un gusto tutto suo, che va dalle alchimie dell’elettronica al fascino viscerale del rock.

All’inizio del 2000 comincia la prima vera avventura mettendo su i Colazione Freak, band coi quali dà spazio alla sua passione per l’indie americana, il noise e reminescenze new wave.

Con il gruppo suona in lungo e in largo per la Sardegna sino a spostarsi a palcoscenici nazionali come quelli del “Tora! Tora! Festival”, “Rock tv tour” e “Voci per la libertà”. La band però interrompe il suo percorso tra il 2005 e il 2006.

Per Carlo è la spinta che lo porta a concepire il progetto Lo-Car. Mette insieme la sua passione per il song writing con l’elettronica, enfatizza le influenze indie eliminando le ruvidità noise e affina il gusto per la melodia. Nascono una serie di brani a metà strada tra l’indietronic newyorkese e il minimalismo pop europeo. Nei live, che non tardano ad arrivare, Carlo oltre a cantare, suona laptop, synths ed efx, e si fa accompagnare dall’oramai fedele Walter Perra, bassista-chitarrista.

Dai club e festival locali, Lo-Car si è spostato sino a oltre tirreno, come al Café del Mar di Bari e il Brancaleone di Roma (serata conclusasi con il set di Ellen Allien), entrambi per il concorso “ElettroWave Festival 2009”.

Carlo Addaris si trova a Colonia, in Germania, per l’Academy of Media Arts, in cerca di nuovi input e collaborazioni.


LO-CAR

Carlo Addaris: programmatore, synths, voce ed effetti
Walter Perra: chitarra, basso, effetti
www.myspace.com/locarmusic

“DISKOTALES”

Scritto e prodotto da Carlo Addaris.
Produttore esecutivo: Stefano Cortis.
Assistenti di produzione: Marco Piras e Giampaolo Salice.
Registrato al “My cold room studio” di San Sperate e al “Golia studio” di Assemini.
Mixato da Fabio Atzeni e Carlo Addaris al Golia studio.
Master di Marti Jane Robertson, realizzato allo “Studio della Giraffa” di Cagliari.
Foto e grafica a cura di Fabrizio Varioli.

Una produzione Needream Records, 2010.
www.needream.it