logo yac 2012

diario

programma

home
progetto

 

partecipanti


follow us on facebookour tv stream

 

 

 

 

L’Unione dei Comuni Terre di Acaya e Roca, in partenariato con l’Associazione Noarte Paese Museo, la societa Zane Editrice sas, la Fondazione Bertarelli, il Dipartimento Ambiente Reti e Territorio della Facoltà di Architettura dell’Università “G. D’Annunzio” di Pescara, l’Accademia di Belle Arti di Bari, l’Associazione Culturale Scenastudio, è stata riconosciuta meritevole di cofinanziamento nazionale con il progetto Spazio Vitale - giovani creativi per la città del futuro, presentato nell’ambito della procedura selettiva indetta dall’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI), volta a cofinanziare iniziative progettuali rivolte al supporto della “Creatività giovanile” (avviso pubblico a presentare proposte per il finanziamento di progetti a supporto della “Creatività Giovanile”) - cofinanziate mediante il “Fondo per le Politiche Giovanili - istituito con Legge n.248 del 4 agosto 2006 - a valere sull’esercizio finanziario 2010 cap.853.
 
 
Sette giorni di workshop, tre location d'eccellenza, un programma ricco di contenuti e di eventi per i 30 giovani creativi chiamati a dar forma alla loro idea di "Città del Futuro" durante i laboratori progettuali in Puglia dal 7 al 14 luglio, in Toscana dal 23 al 29 luglio e in Sardegna dal 3 al 9 settembre.
 
Ogni polo territoriale lavorerà su un tema specifico riguardante il concetto generale di città del futuro. La Puglia avrà come tema la Città dell'Espressione, la Toscana la Città dell'Incontro e la Sardegna la Città dell'Ascolto.
 
Tutti i laboratori esperienziali hanno la durata di una settimana, in formula di “residenza artistica”. Ogni partecipante selezionato ha garantita l’ospitalità all'interno delle strutture abitative messe a disposizione dai partner; gli verranno inoltre forniti i materiali di consumo necessari, e garantito il tutoraggio e l’accesso gratuito alle “lectio magistralis”. 
Obiettivo del progetto è favorire la circuitazione nazionale e internazionale degli artisti, delle loro opere e delle energie nuove che ne deriveranno in grado di trasformare le culture di approdo, di movimentarne l’economia e di indicare prospettive nuove da cui guardare se stessi e gli altri, migliorando la qualità della vita.
A beneficiare del progetto saranno, oltre agli artisti partecipanti, anche le comunità locali attraversate, contaminate e trasformate dalle intelligenze e dall’energia creativa di tanti giovani di culture diverse.
 
La città dell'Ascolto
Una città di un milione e settecentomila abitanti distribuiti su 24.000 kilometri quadrati. Una grossa scultura al centro del Mediterraneo scolpita dal sole, dal vento e dai popoli. 
I giovani creativi partecipanti al workshop dovranno attraversarla raccogliendo e registrando emozioni, ognuno col proprio metodo. Avranno l'opportunità di esserne parte, di interpretarla e di condividerne la lettura personale con il resto del gruppo e con la comunità locale. Da questo incontro nascerà una nuova visione della “città”, proiettata verso il futuro. Il laboratorio avrà come polo il centro internazionale di scambi e di confronti di San Sperate (CA), ma le attività si estenderanno su tutto il territorio sardo. Alle prime giornate di “raccolta dati” seguiranno momenti di restituzione e condivisione dei risultati.